Mastoplastica riduttiva

mastoplastica riduttivaLa Mastoplastica riduttiva è un intervento di riduzione del seno. Un volume eccessivo del seno (ipertrofia o gigantomastia) non costituisce solo un problema estetico, ma molto spesso comporta per la donna disagi psicologici e fastidiosi disturbi (vizi di postura, dolori alla schiena ed alle articolazioni, scoliosi). Per un rapido recupero estetico, psicologico e funzionale si ricorre alla Mastoplastica riduttiva.
La condizione di ipertrofia, specie se di grado elevato, può determinare disturbi, non solo di carattere estetico, ma anche funzionale: tensione dolorosa alla cute, lordosi e scoliosi, intertrigini ed eczemi. Esistono ipertrofie mammarie pure, cioè dovute all’aumento della ghiandola e quindi più frequenti nelle adolescenti, ipertrofie miste in cui la componente ghiandolare è infiltrata abbondantemente da tessuto adiposo, e quindi tipiche nelle donne dopo il parto, oppure ipertrofie esclusivamente adipose, cioè associate ad obesità, oppure a soprappeso. Le moderne tecniche operatorie prevedono l’asportazione del tessuto in eccesso, fino ad ottenere la giusta dimensione. Il tessuto residuo, infine, viene rimodellato.

Cos’è la mastoplastica riduttiva?
Ridurre le dimensioni del seno e migliorarne l’aspetto.

Quando ricorrere alla mastoplastica riduttiva?
Seno eccessivamento voluminoso e/o cadente.

Anestesia?
L’intervento di mastoplastica riduttiva viene eseguito in anestesia generale.

Richiedi informazioni

Utilizzando questo modulo acconsenti al trattamento dei tuoi dati da questo sito web, che saranno utilizzati solo per le finalità relative a questa richiesta. Puoi chiedere la cancellazione dei tuoi dati in qualsiasi momento. Inoltre confermi di aver letto la nostra Informativa Privacy

2018-02-01T22:32:56+00:00